La prima donna iraniana a praticare surf


Shahla Yasini è una ragazza iraniana fuori dal comune. Nata e cresciuta in un piccolo villaggio balneare di nome Zabul, in Iran, ha sempre avuto un rapporto speciale con il mare. Ha iniziato a nuotare all’età di 7 anni e a 12 ha cominciato a gareggiare nei campionati a livello agonistico. A 18 anni si è trasferita a Chabahar ed ha iniziato ad avvicinarsi al mondo del diving diventando in breve tempo dive master.

Nel tempo libero Shahla si diverte a praticare snowboard sulle montagne nei dintorni del suo villaggio e si reca allo skatepark. A 21 anni è salita per la prima volta su una tavola da surf a Chabahar è stato subito amore, la realizzazione di uno dei suoi sogni più grandi. L’incontro con Easkey Britton, surfista professionista, è stato fondamentale per migliorare le sue abilità nel surf e coltivare l’idea di insegnare ad altri ragazzi questo bellissimo sport.

Shahla ed Easkey hanno contribuito alla nascita della prima e per ora unica surf school in Iran a Ramin,Chabahar. Alla scuola di surf possono accedere sia ragazzi che ragazze anche se con corsi separati.

Shahla mi ha spiegato che l’apertura della scuola di surf ha portato dei piccoli significativi cambiamenti nell’area, questi cambiamenti anche se di modesta entità sono comunque molto importanti per un piccolo villaggio come Ramin. La scuola di surf sta dando la possibilità a molti giovani di avvicinarsi allo sport. E lo sport secondo Shahla  è un modo soprattutto per le ragazze di essere più consapevoli e rafforzare le proprie potenzialità. Molte ragazze in Iran praticano sport con impegno e dedizione raggiungendo ottimi risultati.

Parlare con Shahla mi ha fatto comprendere quanti preconcetti abbiamo su paesi che conosciamo appena, non avrei mai immaginato che in Iran vi fossero surf spot o si praticasse snowboard, e soprattutto mi riempie di gioia che in un paese con regole più rigide delle nostre, vi siano bambine e ragazze che abbiano la possibilità di praticare surf grazie all’impegno di donne speciali come Shahla Yasini.

Autrice: Giovanna Marcialis (FATU HIVA SURFBOARDS)